miur

Il 21 novembre una giornata di “Musica e arte oltre la parola”. Già oltre 500 scuole di tutta Italia hanno aderito all’iniziativa.

Sono già oltre cinquecento le scuole di tutta Italia che hanno aderito a "Nessun Parli...: musica ed arte oltre la parola”, l’iniziativa promossa dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, in collaborazione con il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti (Cnapm) presieduto dall’ex Ministro Luigi Berlinguer, per valorizzare la musica e le altre arti, anche nella loro declinazione digitale, come elementi centrali della pratica educativa nelle nostre scuole. Quella del 21 novembre sarà una giornata di riflessione e di festa con numerosi artisti ed esperti che saranno ospitati nella sede del Ministero a Roma, in viale Trastevere.

0
0
0
s2sdefault

facsimile scheda elettorale elezioni regionali

Le tendenze politiche elettorali nelle Madonie nei primi anni del XX secolo tra intimidazioni e fatti singolari.

0
0
0
s2sdefault

luciano inguaggiato sassofoni

Il sassofono è una parte di se stesso, la musica è linfa per la sua vita. Luciano Inguaggiato oltre ad essere musicista e professore di musica alla scuola media di Gangi è anche collezionista di saxofoni. Gli strumenti della sua collezione vanno dalla prima metà del 1800 ai giorni nostri.

Amante dei piaceri della vita la sua filosofia è racchiusa nel suo motto: “Oltre i saxofoni, preferibilmente vintage, mi piacciono due cose: la prima è mangiare bene.”  La seconda la lasciamo alla fantasia di chi lo conosce.

Lo abbiamo intervistato per scoprire le sue passioni e la sua “DeLuxe Saxophone Museum”

0
0
0
s2sdefault

Vivere in Assisi web

Ancora un altro successo per "Vivere in Assisi". Domenica 1 ottobre 2017 si è chiusa la IX edizione.

0
0
0
s2sdefault

libri mario siragusa

 

Pubblicati dallo storico gangitano Mario Siragusa due nuovi libri sulla storia millenaria del paese madonita.

Due libri dello  storico Mario Siragusa in uscita hanno per oggetto la storia di Gangi. Uno dal titolo Cenni storici su Gangi: origini, società, paesaggio agrario, politica, economia e nuova storiografia sulle immaginarie origini normanne dell’attuale paese, Gangi - Roma, Archeoclub d’Italia (disponibile on line sul sito del CREM e dell’associazione nazionale citata); l’altro La storia di Gangi: origini (antiche e medievali), paesaggio urbano, chiese, istituzioni.

0
0
0
s2sdefault

biblioteca

Parlare delle caratteristiche culturali delle Madonie è sempre un rischio perché si può fare confusione fra cultura delle Madonie e cultura dei madoniti.

0
0
0
s2sdefault

istruirsi sulle madonie nel seicento

Nonostante ricevere una alta istruzione era costoso, nelle Madonie era in molti ad avere acquisito un più alto sapere ed alcuni avevano raggiunto una certa notorietà.

Ricevere un'istruzione di più alto grado - con prospettiva di addottrinarsi in filosofia e lettere, ovvero in diritto, medicina, fisica, chirurgia - era per i laici cosa da gran denari. Bisognava infatti recarsi, e sostenersi, in lontane città: a Messina, ove nel 1569 s'era aperta una università degli studi per la tenace opera di Giovanni Ventimiglia marchese di Geraci, oppure a Catania, sede di ancora più antica università.

0
0
0
s2sdefault

alburchia panorama

Gangi: ripresi gli scavi condotti dal prof Glenn Storey dell'Università dell'Iowa alla ricerca di una villa romana.

Il programma di ricerca americano ha tenuto conto dello studio geo-archeologico e storico "Alburchia la montagna incantata" curato da Roberto Franco.

Da diversi anni sono ripresi gli studi e gli scavi su Gangivecchio ed Alburchia, rilevanti siti dell’Antichità all’interno della Sicilia. Scavi condotti dal prof. Glenn Storey dell’Università dell’Iowa (USA) e dall’Università di Palermo sotto l’egida della Soprintendenza ai Beni culturali ed archeologici di Palermo.

0
0
0
s2sdefault

chiesa madre petralia soprana piazza duomo

LA CULTURA NELLE MADONIE TRA IL XVI E IL XVII SEC.

Poter lavorare per la Chiesa era l’aspirazione di tutti gli artisti.

Dovrebbe avere avuto un certo peso il fatto che Giorgio Da Milano, Bartolomeo Berrettaro, Francesco Del Mastro, i Mancino, i Gagini, abbiano scolpito per Petralia Sottana, Geraci, Caltavuturo, Castelbuono, Polizzi, S. Mauro; e che per Polizzi, Isnello, Petralia Soprana, Collesano, abbiano dipinto i pittori Tomaso de Vigilia palermitano, Guglielmo da Pesaro, Vincenzo da Pavia.

0
0
0
s2sdefault

sopranese torneo delle madonie

IL TORNEO DELLE MADONIE E IL CALCIO COME FENOMENO “VIRALE”: UNA NUOVA “RELIGIONE” LAICA E MODERNA

Una storia della società madonita sarebbe incompleta se non trattasse del ruolo del football in quelle comunità montane. Il calcio nel secondo dopoguerra cominciava a diventare un importante fenomeno sociale.

0
0
0
s2sdefault
cartina madonie

Amministrazioni e consigli civici liberal-democratici tra due secoli (XIX-XX)

Negli anni che vanno dal 1892 al 1905-10 sulle Madonie prevalse un orientamento politico filogovernativo e trasformistico che sarà poi mutuato dalle forze del territorio che si richiamavano al popolarismo.

0
0
0
s2sdefault
polizzi geraci

Il senso complessivo delle “politiche “ e delle “amministrative” svoltesi nel territorio madonita nel 1895 risiedeva nel primo affacciarsi delle forze politiche di sinistra sulla scena elettorale .

0
0
0
s2sdefault

il voto amministrativo nelle madonie

I risultati delle amministrative del 1895, danno il senso di una situazione politica in movimento.

Chiesa di San Girolamo Polizzi Generosa

LA CULTURA NELLE MADONIE TRA IL XVI E IL XVII SEC.

Alle chiese si sommavano i conventi degli ordini religiosi (che del resto avevano, a loro volta, chiese di pertinenza): nel 1592 i Benedettini cassinesi tenevano convento (e chiesa) a Gangi; i Domenicani a Polizzi, Collesano, Castelbuono; i Minori conventuali a Castelbuono, Polizzi, Collesano, Petralia Sottana, Gratteri, Isnello; i Cappuccini a Gibilmanna, Polizzi, Collesano, Gangi, Castelbuono, Petralia Sottana, e quelli di S. Angelo a Polizzi; i Carmelitani scalzi a Caltavuturo; i Fatebenefratelli a Polizzi.

0
0
0
s2sdefault

studi storici siciliani dicembre 2016