E’ fruibile l’archivio storico della Parrocchia Santa Maria Maggiore di Geraci Siculo. L’insieme archivistico contiene la storia riguardante la vita ecclesiale e civile del paese a partire dal XV secolo.

pergamena-matrice-geraci-siculo-XV-XVI-secUn vero scrigno che il parroco don Francesco Sapuppo, negli anni scorsi, grazie alla collaborazione dei giovani Claudio Vittorioso, Giovanni Puccio e Toni Castiglia ha riordinato e catalogato al fine di renderlo fruibile. L’obiettivo primario del parroco era il recupero e la conservazione della memoria storica della comunità che si è potuto realizzare anche grazie alla collaborazione della Società Terme di Geraci Siculo che ha voluto rendere effettivo e funzionale l'archivio storico.

0
0
0
s2sdefault

L'articolo chiamato in causa da Salvatore Farinella: "Il ruolo dei tre fratelli Bongiorno (Francesco Benedetto, Gandolfo Felice e Cataldo Lucio), l’Accademia degli Industriosi, Gaspare Fumagalli e Pietro Martorana" di Francesco Pinello.Il Palazzo Bongiono di Gangi

Replica ai “nuovi inquisitori” contro “l’eresia” del revisionismo storiografico

Avrei fatto volentieri a meno di scrivere questo articolo, preferendo occupare il mio tempo con attività decisamente più interessanti e appaganti, ma visto che in uno scritto recentemente pubblicato su “l’Osservatorio.info” (marzo 2016) sono stato pesantemente e più volte tirato in ballo ho ritenuto di dare, mio malgrado, una adeguata risposta per come merita lo scritto pubblicato. Avrei voluto essere sintetico per evitare di tediare troppo i lettori, ma è stato necessario non lasciare nulla di quanto è stato contestato senza adeguata risposta, compresa la valutazione finale che mi riservo nelle conclusioni del presente articolo: della lunghezza del testo mi scuso anticipatamente con i lettori, ai quali comunque chiedo la pazienza di arrivare fino in fondo. Non volendo togliere tempo a me e agli altri, entro direttamente e senza ulteriori preamboli nell’argomento, dopo avere ringraziato la testata che mi ospita.

 

Affresco-chiesa-Spirito-SantoLa lunga, quasi estenuante requisitoria di Pinello nell’articolo dal titolo «Il ruolo dei tre fratelli Bongiorno (Francesco Benedetto, Gandolfo Felice e Cataldo Lucio), l’Accademia degli Industriosi, Gaspare Fumagalli e Pietro Martorana» (titolo che farebbe pensare a un normale articolo sugli argomenti introdotti anche dal sottotitolo, ma che invece occupa il 90% del testo per un pretestuoso attacco a chi scrive) tocca diversi argomenti organizzati in maniera alquanto confusa (prima si parla di una questione poi di un altra, poi si ritorna indietro alla prima ma contestualmente si introduce un altro argomento e così via): onde evitare al lettore ulteriore confusione procedo di seguito raggruppando le questioni in piccoli paragrafi riguardanti il medesimo argomento.

0
0
0
s2sdefault

2-giugno-nasce-la-repubblica-italianaIl 2 giugno 1946 gli italiani e per la prima volta le italiane, furono chiamati a un referendum per decidere se l'Italia dovesse rimanere una monarchia, oppure se essa dovesse essere sostituita dalla repubblica. Vinse questa ultima con il 52% dei voti. Quello stesso giorno il popolo italiano fu chiamato anche a eleggere un'Assemblea Costituente, che aveva il compito di scrivere la nuova Costituzione. All'interno dell'Assemblea si affermarono tre partiti: la Democrazia Cristiana, con il 35% dei voti, il Partito Comunista Italiano e il Partito Socialista Italiano. Il Partito d'Azione invece ebbe solamente l'1.5% dei voti, motivo per il quale decise di sciogliersi.

0
0
0
s2sdefault

L’olio extra vergine d’oliva riduce le impennate della glicemia dopo i pasti e può dunque contribuire a proteggere dalle complicanze cardiovascolari e microvascolari del diabete. La scoperta arriva dall’università Federico II di Napoli con una ricerca pubblicata su Diabetes Care

olio-di-oliva-contro-diabeteL’appellativo di oro lo merita tutto, non solo per il colore che lo contraddistingue ma anche per le numerose sostanze in esso contenute e che lo rendono un alimento prezioso per la nostra salute. L’ulteriore conferma arriva da uno studio di un gruppo di ricercatori della Società Italiana di Diabetologia che dimostra come l'uso dell'olio extravergine di oliva contribuisce a migliorare il controllo del diabete e dunque a proteggere l'apparato cardiocircolatorio dalle complicanze di questa malattia.

0
0
0
s2sdefault

Il Ministero della Salute avvia una campagna di educazione a corretti stili di vita degli adolescenti che coinvolge gli allenatori. L'iniziativa, resa nota attraverso il sito del Ministero, prende il nome di "Allenatore, alleato di salute" ed è il primo progetto al mondo che intende coinvolgere il coach anche nell’educazione a corretti stili di vita degli adolescenti.

giovani-ascoltano-allenatoreAnche l’allenatore assieme al pediatra, allo specialista, all’insegnante e alla famiglia è chiamato ufficialmente in campo per aiutare gli adolescenti italiani a condurre stili di vita sani evitando i comportamenti scorretti legati al fumo, all'abuso di alcol, alla cattiva alimentazione ed alla sedentarietà. La campagna è stata promossa dalla Società Italiana di Pediatria (SIP), insieme alla Fondazione Insieme contro il cancro, Senior Italia Federanziani e realizzata sotto l'egida del Coni, con il coinvolgimento del Ministero della Salute. “Abbiamo il dovere di coinvolgere tutti gli attori che possono determinare scelte consapevoli dei nostri ragazzi perché possano crescere sani - spiega il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Purtroppo oggi le cifre ci dicono il contrario: il 13% dei teenager fuma regolarmente, più del 10% beve troppi alcolici e il 20% dei 15enni è in sovrappeso, con il 3,7% addirittura obesi. Dobbiamo fare di più! Spero che molti coach seguano l’esempio di Max Allegri”.

0
0
0
s2sdefault

IL PERSONAGGIO

Focus su: Egidio da Mola, frate cappuccino e “beato” (Mola, a.? - Gangi 1576)

convento-frati-cappuccini-gangiFra’ Egidio rappresenta l’emblema di quei religiosi che a Gangi e sulle Madonie spesero eroicamente la propria vita al servizio di Dio e del prossimo fino al sacrificio della propria esistenza.Non si conoscono le sue origini. Si presume sia nato a Mola o che si fosse stabilito nella Terra di Gangi, provenendo da un convento esistente in quel borgo pugliese. I suoi genitori erano devoti di San Francesco e seguaci della sua lectio spiritualis. E proprio per venerazione verso il Poverello di Assisi diedero al figlioletto il nome di un suo fedele compagno: Egidio d’Assisi... La presenza francescana nel borgo feudale di Gangi, introdotta dai marchesi Ventimiglia, si era manifestata agli inizi degli anni Settanta del XVII secolo.

0
0
0
s2sdefault

Un gioco che è anche un viaggio affascinate tra azione e natura.

uncharted-4-videogiocoPer gli amanti dei videogiochi arriva Uncharted 4. Una nuova proposta dell’azienda statunitense Naughty Dog, con sede in California, che ha superato le aspettative. Uncharted 4, infatti, non è solo un gioco ma è un’avventura, un viaggio ricco di azione che terrà gli utenti attaccati allo schermo. In questo episodio conclusivo della saga che ha già proposto tre storie avvincenti, Nathan che è il protagonista andrà alla ricerca del tesoro del pirata Henry Avery che lo porterà fino in Madacascar.

0
0
0
s2sdefault

campagna-amnesty-CicloAmnestyDomenica 22 maggio passeggiata ciclistica in città per sostenere le Campagne di Amnesty International dedicate alla tutela dei Diritti Umani ed in particolare per, CicloAmnesty 2016, la Campagna globale per la Protezione delle Persone in movimento.

L’evento è organizzato da Amnesty International Gruppo Italia 243 in collaborazione con Coordinamento Palermo Ciclabile - FIAB e Parco Uditore Cooperativa Sociale.

Pedaleremo in giallo, colore di Amnesty International – scrivono in una nota gli organizzatori - con le nostre bandiere, con le nostre magliette gialle o con qualcosa di giallo, per sostenere la Campagna globale per la Protezione delle Persone in movimento.

0
0
0
s2sdefault

Lunedì si rinnova l'appuntamento con la solenne processione

esterno-chiesa-spirito-santoBisogna sapere che, ai sensi e per gli effetti dell’art. I delle Leggi dell’Accademia degli Industriosi di Gangi, pubblicate a Palermo nell’opera “Rime degli Accademici Industriosi di Ganci” del 1769, lo Spirito Santo era il “Protettore Sovrano Patrono celeste” dell’accademia gangitana e dei Bongiorno (l’accademia fu fondata proprio dal barone Francesco Benedetto). Nel giorno della “Pasqua di Pentecoste”, sempre ai sensi e per gli effetti dell’art. I delle Leggi dell’Accademia, gli Industriosi (la Musa Enguina), ogni anno, si riunivano in adunanza pubblica, a Palazzo Bongiorno, e, in presenza dei Gangitani (anche non accademici), a prescindere dal loro status sociale, e in presenza di eventuali forestieri (accademici e non), si incatenavano mediante i loro versi, e offrivano Corone di Sonetti allo Spirito Santo, evocandolo per “isvegliare nei presenti quell’appetito innato verso la virtù che amore da Platone venne nomato” e a protezione di loro stessi, di Gangi e dei Gangitani.

0
0
0
s2sdefault

braccianti contadiniArriva in libreria un altro libro di Michelangelo Ingrassia. L’ultima fatica del professore che insegna Storia dell’Età Contemporanea nel Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione dell’Università degli Studi di Palermo, affronta la storia siciliana di braccianti e contadini contro il fascismo. Per i tipi di People&Humanities il libro, dal titolo “Braccianti e Contadini in Sicilia contro il fascismo – Esistenze e resistenze di una storia smarrita”, riporta la nota introduttiva di Giorgio Galli e la prefazione di Antonino Pensabene. “Seguendo il lungo tracciato delle lotte agrarie e contadine in Sicilia – scrive Ingrassia - sembrerebbe che il cammino dei lavoratori della terra siciliani si sia in qualche modo interrotto alla fine del primo dopoguerra per essere poi ripreso alla fine del secondo dopoguerra.

0
0
0
s2sdefault

In viaggio per la Sicilia in groppa al mulo per motivare i giovani a non abbandonare le campagne 

sfilata-di-muli-con-contadini-a-cavallo

L'iniziativa ideata dal palermitano Federico Bruno vuole rendere omaggio ad un animale che ha aiutato i contadini nel lavoro e nella lotta sociale. Partenza l'11 maggio prossimo.

In viaggio con il mezzo più antico del mondo: il mulo. Una idea nata nel 2011 al palermitano Federico Bruno per rendere omaggio ad un animale che ha facilitato il lavoro dell'uomo, simbolo dei braccianti siciliani che negli anni cinquanta occuparono i feudi spostandosi da una parte all'altra del territorio siciliano grazie al mulo. Un compagno ed un mezzo di trasporto infaticabile che ha aiutato i contadini anche nella lotta sociale. Per rendere omaggio a questo animale e a dei valori che si stanno perdendo l'imprenditore palermitano Federico Bruno, amante della natura, della campagna, degli animali e naturalmente del mulo ha pensato di utilizzare ancora una volta questo animale per attraversare la terra di Sicilia .

0
0
0
s2sdefault

La storia dello storico Istituto Magistrale di Petralia Sottana

Libro-storia-del-magistrale-petralia-professore-figliaPoche volte si è verificato nella storia delle Madonie che un evento abbia profondamente influenzato socialmente, culturalmente ed economicamente il territorio, come la fondazione del primo istituto di educazione pubblica.

L’interessante storia dell’Istituto Magistrale di Petralia Sottana ci viene raccontata in una pubblicazione edita da Il Petrino.

0
0
0
s2sdefault

IL PERSONAGGIO

Il pittore dell'abbazia medievale di Gangivecchio

Nacque a Castrogiovanni nel 1523 e morì a Gangi post 1601

 

Pietro De Billio (da altri indicato come De Bellia) era un pittore che si trovò ad operare nella Sicilia centrale nel corso del Cinquecento fino ai primi del Seicento. Come per molti suoi colleghi ebbe dei committenti religiosi. Suoi luoghi di elezione furono  la demaniale cittadina di Castrogiovanni (l’odierna Enna), che gli diede i natali nel 1523, e la terra feudale di  Gangi di proprietà dei potenti marchesi Ventimiglia,  rifondata in un nuovo sito nel XIV secolo. Dagli anni Cinquanta agli anni Novanta del Cinquecento è documentata la sua intensa attività nel Castrogiovannese [E.De Castro]. A partire dal 1575 sono comprovati dalle fonti i suoi rapporti con Gangi dove si stabilì a vivere. In quell’anno gli venne commissionata da un sacerdote (Vaccaro) un’opera lignea per la Chiesa di Santa Maria di Gesù.

0
0
0
s2sdefault

Il Partigiano Calogero Bracco di Petralia Sottana, era ragazzo che a 27 anni compì qualcosa di unico, di grande, di eroico: diede la vita per la libertà.

 

foto calogero BraccoMorire a 27 anni. Per le giovani generazioni tale tragico evento viene prevalentemente associato al cosiddetto Club 27, una espressione giornalistica utilizzata per riferirsi a quegli artisti, spesso indicati come miti, morti tragicamente all’età di 27 anni. Il trapasso, drammatico e violento di una giovane vita ha da sempre alimentato il mito ed esaltato le gesta, anche se questi si sono limitati all’esecuzione di un brano musicale.

“Il mito, per l'uomo contemporaneo, non è che una “parola”, vale a dire solo un sistema di comunicazione”. scriveva il saggista francese Roland Barthes. Il bisogno del mito per l’uomo è un bisogno ancestrale, esigenza psicologica dell’animo umano, e risposta a certe motivazioni interne, molto profonde, che noi chiamiamo inconsce. Da espressione alle nostre tensioni psichiche ed aiutano a crescere psicologicamente e spiritualmente. I miti ci appagano sia perché possiedono contenuti che noi avremmo sempre voluto avere, sapere e conoscere, sia perché nascondono e simbolicamente svelano alcune verità che l’animo umano percepisce, ma non riesce a cogliere in modo chiaro ed immediato. Tutti noi abbiamo bisogno dei miti, in ogni età della nostra vita. In modo particolare ne hanno bisogno i giovani poiché ne appagano molte esigenze interne, aspirazioni, desideri e necessità psicologiche, specie quelle più nascoste. Il mito principale è quello dell’eroe, e in ogni giovane nella fantasia, nei pensieri e nelle zone più oscure dell’animo, sussiste l’esigenza di fare qualcosa di eroico, di grande, di particolare, che sia al di fuori della quotidianità. E quando un mito è vicino anche anagraficamente viene certamente prediletto. Non bisogna andare lontano per trovare eroi, ne abbiamo avuti anche nella porta accanto. 

0
0
0
s2sdefault

Firmato protocollo d’intesa tra AnciSicilia, Assessorato regionale al Turismo e Sicilia Film Commission per promuovere il cinema in Sicilia

Anci Sicilia Associazione Dei Comuni Siciliani

Il protocollo sottoscritto prevede anche l’istituzione presso i Comuni aderenti di una figura di “Referente Cinema” che tenga i rapporti con la Sicilia Film Commission, fungendo da collegamento con tutti i settori interessati dell’Amministrazione comunale

Individuare misure volte a sostenere le produzioni cinematografiche e audiovisive in Sicilia: è questa la mission del protocollo d’intesa firmato dall’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Anthony Emanuele Barbagallo, dal presidente di AnciSicilia, Leoluca Orlando e dal direttore di Sicilia Film Commission, Alessandro Rais.

0
0
0
s2sdefault